Tube 47 - Braingasm Custom

Il nostro Neumann U47 aveva bisogno di un restauro funzionale (reskin, cambio condensatori, connettori etc.) e una volta rientrato a casa, bello come il sole, ci ha fatto venire un'idea: un 47 valvolare targato Braingasm.

Consapevoli di scendere in campo per la finale di Champions League ci siamo messi a lavoro per molti mesi, studiando gli schemi originali e i vari progetti 'clone' , testando il Neumann in tutte le salse per scoprire la sua versatilità e tutte le sue sfaccettature, e saldatura dopo saldatura, finalmente siamo pronti a presentarvelo.

Come per gli altri microfoni artigianali che nascono in laboratorio non si tratta dell'ennesimo microfono clone o U47 replica in circolazione, vogliamo fare qualcosa di innovativo ispirandoci al genio dei nostri predecessori, tenendo sempre presente che la mission del laboratorio Braingasm è di offrire un suono di alto livello ad un prezzo accessibile a tutti. Cerchiamo di fare il passo in avanti, non di lato.

Prima del solito pippone tecnico pubblichiamo il beta test del microfono finito, in confronto con il Neumann originale e con un Braingasm Deluxe con capsula M7 Gefell, il modello di punta della nostra serie a transistor. I microfoni sono posizionati il più vicino possibile tra loro a circa 3 metri dalla batteria. Il preamp è un Tubetech. Sentite che roba:

Abbiamo in programma una lunga session di test, in cui cercheremo di essere il più completi e precisi possibile, per apprezzare la resa del nostro nuovo microfono valvolare su voci, strumenti elettrici ed acustici. Per il momento ci accontentiamo di queste 3 tracce, seguiteci per ascoltare il resto.

Dopo aver allietato le orecchie con un po' di cassa e rullante passiamo finalmente al nostro caro pippone sulle specifiche tecniche:


Partiamo dal body, realizzato in Europa con macchine a controllo numerico. Come per il modello originale la griglia ha 3 livelli di mesh, il basket è in rame e il corpo in alluminio anodizzato. Abbiamo provato con altri modelli, forme colori e materiali, ma il siluro nucleare ha sempre vinto a mani basse.

Braingasm Tube 47 - Long Body

Braingasm - Laboratorio Microfoni Artigianali - U47 Custom

Neumann U47 Short Body (1960)

1960 Neumann U47

Abbiamo mantenuto il layout originale e il cablaggio punto-punto sui lati del trasformatore, avendo cura di posizionare la zona ad alta impedenza il più vicino possibile a capsula e valvola. Il nostro design a livello elettronico differisce dall'originale per molti aspetti, fra tutti il circuito di polarizzazione della capsula e le tensioni di alimentazione della valvola. Tra le varie opzioni abbiamo scelto una Telefunken EF800 (oppure E80F) alimentata secondo specifica.

Valvola NOS Telefunken EF800, Trasformatore AMI BV8, Condensatori MKP (sostituiti con Solen Fast)

Braingasm - Custom Studio Micorphones - U47 Custom

Valvola VF14 M, Trasformatore BV8 originale, condensatori di uscita sostituiti con Vishay Roderstein

Neumann U47 inside tube VF14 BV8 transformer Bosh capacitors

Infine la capsula, un trasduttore Thiersch STW7 (M7 Red Line). A breve proveremo anche a montare una storica M7 Gefell. Il Neumann originale monta una KK47.

Capsula Thiersch M7 Red Line

Capsula Neumann KK47

Neumann U47 KK47 capsule

Restate sintonizzati per gli aggiornamenti sul progetto e le nuove session comparative. #followthegasm!

Session audio comparative - chitarra acustica

Come suona sulla cassa? hai dei samples di chitarra acustica? e sulle voci? Acquistare un microfono senza averlo ascoltato è come comprare un paio di scarpe senza provarle. Può essere bello, ma se non è adatto al nostro scopo? Costerà pure diverse migliaia di euro, e se non mi piace?

Seguendo i suggerimenti di voi irrecuperabili smanettoni ho iniziato ad archiviare ed organizzare un po' di suoni, per comporre una libreria audio che possa indirizzarvi verso il vostro microfono preferito.

Iniziamo con la chitarra acustica, uno strumento su cui possiamo apprezzare interamente le caratteristiche e le sfumature di un microfono. Di seguito alcune take registrate insieme a Nico e Ciro dei Black Eight Studio che sono venuti a trovarmi con una Martin fiammante. Abbiamo provato 5 microfoni nella stessa posizione e a alla stessa distanza dallo strumento, cercando di suonare le take il più simili possibile l'una all'altra. La scelta di operare in questo modo piuttosto che con 5 microfoni in simultanea su una sola take è per non alterare l'asse di ripresa rispetto alla sorgente. I preamp utilizzati sono i nostri cari Audient, garanzia di trasparenza e imparzialità. Ecco il risultato:

ARPEGGIO


STRUMMING

 

Seguirà una full immersion sulla batteria, con delle take sia in studio che live, stay tuned.

Microfoni a nastro e sezione archi

Ho incontrato Mario Gentili, fondatore di LayerBows, violinista e sound engineer per provare a riparare i suoi 2 ribbon B&O di cui ho parlato in qualche post precedente e con l'occasione gli ho proposto di provare il nostro Vintage Ribbon e confrontarlo con un Oktava ML-52 già a disposizione dello studio. 

LayerBows è uno studio di professionisti che offre suoni e performance di altissimo livello registrando esclusivamente 'strings' o sezione archi per musica e cinema.

Mario ha inciso una parte di violino contemporaneamente con i due microfoni e mi ha mandato i sound files per fare un ascolto ed una valutazione. 

Di seguito le due incisioni ed il grafico di risposta in frequenza:

Il grafico di risposta è molto simile, ma la differenza principale tra le due incisioni, sostanziale in questo tipo di ripresa, è che la risposta del nostro microfono a nastro rende il suono del violino più gentile rispetto all'Oktava, ammorbidendo la componente stridula tipica dello strumento.

Per la cronaca LayerBows e Mario hanno scelto Braingasm.


Beyer M260

Questo ribbon della Beyerdynamic è unico nel suo genere, non tanto per la sua figura ipercardioide ma per il modo in cui è corrugato il nastro. Infatti, al contrario della gran parte dei suoi colleghi il nastro è corrugato orizzontalmente in una tecnica detta 'Piston Corrugation'. Maggiori dettagli su questa tecnica qui.

Il microfono è in buone condizioni, arrivato in laboratorio per un problema di ronzio. Una veloce ispezione non ha evidenziato difetti o malfunzionamenti, è bastato smontarlo e rimontarlo per eliminare il difetto. So far so good (so what!).